LA VOCE DELLA NOSTRA GIOVINEZZA | Non mentirmi | di Philippe Besson

Pubblicato sulla versione cartacea di Amedit n. 37 | dicembre 2018

SFOGLIA LA RIVISTA

Barbezieux è una piccola cittadina sperduta tra le distese di vigneti della Charente, al confine della Dordogna, distante circa trenta chilometri da Angoulême. È qui, in questo puntino che a fatica si rintraccia anche sulle cartine più dettagliate della Francia, che Philippe Besson sceglie di ambientare il suo ultimo romanzo Arrête avec tes mensonges (Non mentirmi, Guanda, 2018, traduzione italiana a cura di Leila Beauté). La storia, sospesa tra meta-autobiografia e finzione narrativa, si snoda in tre fasce temporali che partono dalla metà degli anni Ottanta per arrivare fino ad oggi. I protagonisti sono Thomas Andrieu, un ragazzo tenebroso e taciturno, e lo stesso Philippe Besson (l’autore e l’io narrante). Frequentano entrambi l’ultimo anno al Lycée Élie Vinet di Barbezieux, ma in classi diverse. Philippe, più attratto dai libri che dallo sport, è figlio di un preside; Thomas appartiene invece a una famiglia contadina di Lagarde-sur-le-Né. (continua a leggere)

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: